Toscana, un viaggio nello stile.

La Toscana è la culla dell’alta moda italiana. Fra alta moda, tendenze e stile senza tempo, la Toscana dei grandi stilisti, dei musei della moda e degli outlet.
Si può dire che tutto sia cominciato a Firenze nel febbraio del 1951, quando a Villa Torrigiani si tenne la prima sfilata internazionale che fece conoscere la moda italiana al mondo.
Da allora lo stile italiano è diventato un punto di riferimento fondamentale, ammirato e citato ovunque.
Per questo un viaggio in Toscana alla scoperta delle tendenze del momento e dello stile che attraversa le mode inizia appunto da Firenze.
Il punto di partenza è via de’ Tornabuoni, una delle strade più affascinanti del centro storico, che vanta alcuni fra i più bei palazzi della città, come Palazzo Antinori, Palazzo Tornabuoni e Palazzo Strozzi.
Ma se Via de’ Tornabuoni è un gioiello di architettura, per gli appassionati di moda è soprattutto la via degli stilisti, dove si possono ammirare le boutique di grandi firme fiorentine famose in tutto il mondo.
In poche decine di metri si passa da Gucci a Salvatore Ferragamo, da Enrico Coveri a Roberto Cavalli ed Emilio Pucci. La moda e lo stile non sono un’esclusiva dell’abbigliamento: qui si affacciano anche le vetrine dei gioiellieri più famosi, come Damiani, Bulgari e Buccellati.

Proprio in via de’ Tornabuoni, nel Palazzo Spini Feroni, si trova il Museo della casa di moda Salvatore Ferragamo, dove è esposta una vastissima collezione delle scarpe realizzate nel corso della storia del marchio.
Ma gli appassionati non devono perdersi assolutamente il più importante museo della moda in Italia: la Galleria del Costume a Palazzo Pitti, che espone una collezione di oltre 6000 pezzi che vanno dagli abiti e accessori del XVI secolo alle creazioni dei grandi stilisti italiani di oggi.
0
Shares
 
Segui su
 
 
Firenze ospita anche moltissime manifestazioni di moda, prime fra tutte quelle del gruppo Pitti Immagine. Si inizia da gennaio con le sfilate di Pitti Uomo e Pitti Bimbo per proseguire con la manifestazione più specialistica dedicata ai filati. In settembre si tiene la manifestazione dedicata alle fragranze, mentre a novembre arriva Modaprima, l’evento dedicato a moda e accessori che si tiene alla Stazione Leopolda.
 
Dopo un’immersione totale nello stile dell’alta moda italiana, sarebbe un peccato riportare a casa solo foto delle boutique e dei musei.
Per fortuna la Toscana è all’avanguardia anche in un altro settore commerciale legato all’alta moda: quello degli outlet, le grandi strutture che offrono abbigliamento e accessori delle grandi firme a prezzi estremamente convenienti.
Sono i capi delle collezioni precedenti, i capi invenduti delle grandi boutique o anche abiti e accessori creati appositamente per questa nicchia di mercato.
In fondo quindi si tratta di grandi strutture dove i saldi sono in vigore per tutto l’anno, con sconti sui prezzi base che possono arrivare al settanta per cento.
Il più conosciuto fra gli outlet toscani è probabilmente “The Mall”, a Leccio, in provincia di Firenze. Qui si hanno il loro spazio Gucci, Ferragamo, Hogan, Armani, Burberry, Yves Saint Laurent, Valentino, Burberry e Fendi.
Non lontano, a Rignano sull’Arno si trova invece lo spaccio ufficiale di Dolce e Gabbana.
Lo spaccio ufficiale di Roberto Cavalli è a Sesto fiorentino, mentre l’outlet “I Pellettieri d’Italia” a Montevarchi, in provincia di Arezzo, offre un grande assortimento di prodotti di Prada.
Il Designer Outlet di Barberino di Mugello è realizzato come un borgo rinascimentale, offre oltre cento negozi con marchi come Calvin Klein, Dolce & Gabbana, Roberto Cavalli, Fornarina, Guess, Jean's Paul Gaultier, Pinko, Ralph Lauren, Furla e Prada.
Anche il Valdichiana Outlet Village a Foiano della Chiana, in provincia di Arezzo è una rivisitazione di un borgo toscano, con piazze, portici e terrazze che ospitano più di duecento negozi e marchi come Prada, Miu Miu, Massimo Rebecchi, Mariella Burani.
 
 
 
 
QUESTO SITO UTILIZZA "COOKIE" TECNICI E COOKIE DI TERZE PARTI: SE VUOI SAPERNE DI PIÙ O NEGARE IL CONSENSO LEGGI L'INFORMATIVA ALTRIMENTI CHIUDI